Guida alla piastra perfetta

Se nella vostra testa la domanda ricorrente è: “Quale è la piastra ideale, che garantisce risultati professionali e che non rovina i capelli?” Ebbene, la risposta è: ”Non esiste”. Ovviamente, ci riferiamo al fatto che anche le piastre di ultima generazione, se usate in modo scorretto, possono portare a effetti indesiderati.

Ma come scegliere dunque la piastra “perfetta”, e usarla al meglio per ottenere l’acconciatura desiderata, mantenendo allo stesso tempo i capelli sani? I risultati, anche della migliore e più costosa piastra professionale, dipendono infatti prima di tutto dalla sapienza e dall’attenzione posta nell’utilizzo di questi prodotti.

Eccovi allora un breviario sull’uso più corretto delle piastre professionali anche a casa:

1. Assolutamente sconsigliato usare la piastra sui capelli bagnati appena lavati. 

Prima di procedere all’utilizzo della piastra, quindi, si consiglia di asciugare con attenzione tamponando accuratamente i capelli con l’asciugamano prima di passare il phon. Una volta tamponati i capelli, asciugate col phon aiutandovi con la spazzola disciplinare le ciocche, in modo da evitare il classico effetto “gonfio elettrizzato e riccio”. Questa prima asciugatura predispone il capello all’utilizzo della piastra evitando lo shock termico al capello, e inoltre permette di usare la piastra ad una temperatura più bassa, ottenendo comunque l’effetto liscio desiderato, stressando meno il capello (senza contare il risparmio di energia elettrica e di tempo).

2. Una volta asciugati e allisciati con spazzola e phon, dividiamo la capigliatura in tante ciocche ordinate e spazzolate tenute con delle pinze o e forcine singolarmente (dipende dalla lunghezza del capello) e andiamo ad allisciare una ciocca alla volta partendo dalla nuca e mano mano saliamo fino ad arrivare in ultimo alle ciocche davanti.

3. Prima di passare la piastra, un altro consiglio che ci sentiamo di condividere con voi è assolutamente quello di passare un prodotto per proteggere e idratare il capello, come Protect Ion di Gama  che crea un film protettivo sul capello e apporta principi nutritivi e vitamine.

    Piastra migliore

4. Fate attenzione che la piastra abbia una temperatura adeguata per eseguire la piega; il passaggio sulla ciocca, dopo aver spruzzato il prodotto che avete scelto, dovrà essere fatto una volta sola e lentamente, una velocità che permetta da una parte di non bruciare i capelli, dall’altra che faccia ottenere risultati con una sola passata e mai più di una, dalla radice alle punte.

EM Blog – tag piastra