Come piastrare i capelli senza rovinarli

Siete delle addicted dei capelli liscio spaghetto? Combattette quotidianamente la vostra battaglia contro l’umidità? I capelli mossi proprio non vi donano? Allora la piastra è l’accessorio giusto per voi. Ma utilizzarla non è così banale e visto che può raggiungere temperature piuttosto alte, ci sono alcune semplici regole da rispettare per non stressare e danneggiare i capelli.

Vediamo quindi insieme come piastrare i capelli senza rovinarli,.

Per chi ha i capelli ricci o mossi ma li sogna liscissimi, la piastra per capelli è l’oggetto must have!
Le più moderne sono super tecnologiche, hanno trafile in tormalina, raggiungono velocemente la temperatura e la mantengono durante tutta l’operazione di stiratura.
Perfetta per l’obiettivo è la CP3 TOURMALINE DIGITAL LASER ION di Gama, una piastra per capelli professionale, maneggevole e di design, delicata sui capelli e che consente di eliminare l’effetto crespo e i capelli elettrici.
CP3 Tourmaline Digital Laser Ion è la piastra più completa tra quelle appartenenti alla linea CP3 perché possiede trafile ultra-lisce in tormalina che donano lucentezza e morbidezza. L’emissione di ioni durante l’utilizzo consente di tenere sotto controllo l’effetto crespo e i capelli elettrici; la regolazione della temperatura, da 150° a 220°, la rende adatta a tutti i tipi di capelli e con il display digitale è facile stabilire la giusta temperatura di utilizzo. Temperatura che si raggiunge molto velocemente grazie alla tecnologia Quick Heat.

Nonostante tutti questi accorgimenti, l’impiego della piastra è comunque uno stress per i capelli, a causa soprattutto dell’alta temperatura a cui viene utilizzata.
Ma ci sono alcuni accorgimenti e alcuni trucchetti che aiutano a piastrare i capelli senza rovinarli.

1) Piastra solo su capelli perfettamente asciutti
L’umidità è nemica della piastra (e dei capelli!). Prima di passare la piastra assicuratevi che i vostri capelli siano perfettamente asciutti. Se potete, aspettate qualche ora tra l’asciugatura con il phon e il passaggio della piastra, ma se proprio non potete, siate almeno sicure di aver asciugato alla perfezione tutti i capelli, anche vicino alla cute.

2) Utilizzare sempre un prodotto termoprotettore
Proteggiamo sempre i capelli con un termoprotettore, un prodotto appositamente studiato per proteggere i capelli dal calore. I termoprotettori hanno anche la funzione di lucidare e rendere brillanti le lunghezze. Un esempio? Protect Ion di Gama che apporta anche principi nutritivi e vitamine per capelli più sani e brillanti.

3) Spazzolate i capelli
Spazzolate i capelli prima di utilizzare la piastra, in modo da sciogliere tutti i possibili nodi. In questo modo il passaggio della piastra sarà più veloce, senza intoppi e non rischierete di strapparvi i capelli.

4) Piastra solo su capelli puliti
Scontato? Non proprio… La piastra va passata solo su capelli puliti e appena lavati. Piastrare i capelli non puliti li renderà ancora più sporchi in breve tempo.

5) Assecondate i vostri capelli
I capelli grossi e spessi sono diversi da quelli sottili. Allo stesso tempo, una testa estremamente riccia è diversa da una solo un po’ mossa. Per questo motivo anche l’utilizzo della piastra dovrà essere diverso. Su capelli grossi è possibile passare velocemente la piastra sulla stessa ciocca per due-tre volte, mentre su un capello sottile una volta dovrebbe essere sufficiente.
Analogamente, se dovete stirare dei ricci molto definiti potete insistere un po’ di più rispetto ad una testa solo un po’ mossa.

Piastrare i capelli senza rovinarli

EM Blog – tag piastra